Statuto - Art. 9 – Cessazione dalla qualità di Socio

Art. 9 – Cessazione dalla qualità di Socio
La qualità di Socio si perde:

  • A) per lo scioglimento dell’Associazione;
  • B) per recesso, fatto pervenire in qualsiasi momento alla segreteria dell’Associazione tramite lettera accomandata A/R o posta elettronica certificata;
  • C) per esclusione inappellabile, deliberata dal Consiglio Direttivo, con il voto favorevole della metà più uno dei suoi componenti, in caso di gravi infrazioni alle disposizioni del presente statuto e/o di delibere degli organi sociali, di riscontro di comportamenti del Socio contrari alla Legge, all’etica professionale o ritenuti dannosi degli interessi sociali, disonorevoli e/o lesivi del buon andamento e del nome dell’Associazione, o comunque contrastanti con le finalità della Associazione. L’Esclusione verrà comunicata a mezzo di raccomandata A/R, e non dà diritto alla restituzione delle quote associative e dei contributi versati, né in alcun modo a vantare diritti sul patrimonio dell’Associazione;
  • D) per morosità. Alla data del 01 febbraio di ogni anno solare, il Socio che non abbia regolarizzato l’iscrizione attraverso il pagamento della quota associativa annuale, verrà sollecitato via e-mail a provvedere urgentemente al versamento. Se alla data del 01 marzo del medesimo anno solare il Socio non avrà provveduto a far pervenire gli estremi dell’avvenuto pagamento, sarà considerato moroso e decadrà automaticamente dalla qualità di Socio. Il Socio decaduto per morosità potrà essere riammesso previa nuova presentazione di domanda di ammissione corredata dal versamento della quota di iscrizione;
  • E) per il venir meno dei requisiti di cui all’art. 7 utili all’ammissione a far parte dell’Associazione in qualità di Socio, in particolare l’iscrizione all’Albo Professionale o all’istituto Universitario di appartenenza.